notte dei ricercatori
Torna venerdì 25 e sabato 26 settembre la “Notte dei Ricercatori”!
Prorogate al 23 settembre le prenotazioni online per la Notte dei Ricercatori del 25 e 26 settembre
Fino alle ore 12 del 23 settembre (alcune attività sono già esaurite)
VENERDÌ 25 SETTEMBRE
  • Campus Scienze e Tecnologie - Parco Area delle Scienze - ore 16-20
  • CSAC - Centro Studi e Archivio della Comunicazione nell'Abbazia di Valserena - Strada Viazza di Paradigna, 1 - ore 16-20    
SABATO 26 SETTEMBRE
  • Centro storico (Sede Centrale, Museo di Storia Naturale e Orto Botanico) - ore 10.30-20
  • CSAC - Centro Studi e Archivio della Comunicazione nell'Abbazia di Valserena - Strada Viazza di Paradigna, 1 - ore 16-20
Per info: comunicarelaricerca@unipr.it







A causa delle misure legate all’emergenza COVID-19, tutti gli eventi in programma per la Notte dei Ricercatori 2020 sono a prenotazione obbligatoria   stand


Le prenotazioni saranno aperte dalle ore 9 del 7 settembre alle ore 12 del 23 settembre.

P
er prenotare uno o più eventi è necessario avere più di 14 anni. Ogni persona può prenotare fino a un massimo di 4 posti per ogni evento; le persone tra i 14 e i 18 anni possono registrarsi autonomamente e prenotare per sé ma non possono prenotare per altri.


Al momento della prenotazione sarà necessario indicare nome e cognome, data di nascita, indirizzo e-mail, numero di cellulare e numero di eventuali accompagnatori, con i nominativi e l’indicazione se siano o meno minori di 14 anni. Al termine della prenotazione si riceverà una e-mail di conferma contenente un codice, che dovrà essere mostrato in cartaceo o su smartphone al personale presente all’ingresso dei luoghi in cui si svolgeranno gli eventi.

Non è possibile modificare una prenotazione, ma solo cancellarla. Chi non potesse più partecipare è invitato a cancellare la propria prenotazione per lasciare il posto ad altri.

Alcuni giorni prima dell’evento l’utente prenotato riceverà una ulteriore e-mail contenente la mappa, il modulo da firmare per ogni partecipante per la normativa anti Covid e le istruzioni dettagliate per accedere all’evento. Per i minorenni il modulo andrà firmato da un genitore.

Non sarà fatta una lista d’attesa. Si invitano quindi le persone interessate a controllare frequentemente la pagina della procedura di prenotazione, per occupare eventuali posti che si dovessero liberare.

Per accedere a ogni singolo evento bisogna presentare all’ingresso:

  • codice di prenotazione (stampato o su smartphone)
  • modulo relativo alla normativa anti Covid firmato da ogni partecipante (dai genitori in caso di minorenni)
  • copia del documento di identità di ogni partecipante (da allegare al modulo).


Sarà necessario avere con sé un modulo firmato con relativa copia del documento per ogni evento a cui ci si è prenotati.

Si invitano i visitatori a presentarsi all’ingresso circa 10-15 minuti prima dell’orario di inizio. Al termine di ogni evento sarà necessario uscire dall’edificio e rifare la procedura di ingresso ad ogni eventuale altro evento che si è prenotato, quindi calcolate il tempo per l’ingresso all’edificio.

Per aiutarvi a programmare le visite abbiamo inserito la durata delle attività (mezz’ora o 1 ora). Vi consigliamo di prevedere un po’ di tempo tra un’attività e l’altra, per potervi spostare in tranquillità e godervi il pomeriggio con noi.

E ricordate, per il nostro bene e delle altre persone, mascherina, gel disinfettante e distanziamento!

Tutti gli eventi in programma sono gratuiti.

Per prenotare clicca qui prenota
 
   
   
Inoltre... Ricorda!!



Seguici su Facebook facebook


Posta le tue foto e i tuoi messaggi dalla notte dei ricercatori utilizzando l’hashtag dedicato: #NdRparma


IMPORTANTE: con la partecipazione agli eventi si accetta la possibilità di venire fotografato o ripreso dallo staff della Notte dei Ricercatori
 

La Notte dei Ricercatori è un progetto realizzato dall’Università di Parma in co-organizzazione con Comune di Parma e IMEM – CNR.
 
"CON IL PATROCINIO E CO-ORGANIZZAZIONE DI"
comune di parma parma capitale della cultura