Sto caricando la mappa ....

Ora  20:15 - 22:00

Luogo  Complesso Monumentale della Pilotta - Museo Archeologico e Galleria Nazionale

Genere 

Rivolto a:


Le scoperte archeologiche settecentesche, prime fra tutte Pompei ed Ercolano, rinnovarono l’interesse verso il mondo antico, in particolare greco e romano. Questo fenomeno favorì in tutta Europa anche la nascita di importanti istituzioni museali, ideate per conservare, studiare e divulgare la ricchezza del patrimonio storico e artistico recuperato negli scavi.

Anche a Parma, grazie alla scoperta alla metà del Settecento del sito archeologico romano di Veleia, si costituì il nucleo originario dell’attuale Museo Archeologico Nazionale, destinato a diffondere orgogliosamente le recenti scoperte presso le élites intellettuali del continente e fornire modelli artistici agli studenti dell’appena fondata Accademia artistica locale, destinata a divenire una delle più rinomate scuole a livello europeo.

Se la promozione del patrimonio archeologico passava nel Settecento attraverso i mezzi allora disponibili (esposizioni museali, riproduzioni dei reperti e pubblicazione di stampe e descrizioni), oggi è imprescindibile l’adozione delle nuove tecnologie digitali, che hanno rivoluzionato il modo di comunicare. A tal fine Fondazione Cariparma e Università di Parma hanno di recente promosso il progetto “Percorsi multimediali innovativi per la valorizzazione del Museo Archeologico di Parma”, volto alla valorizzazione dei beni archeologici tramite la generazione di nuovi contenuti multimediali.

L’iniziativa proposta dall’Università e dal ComPad. monumentale della Pilotta si inserisce in quest’ottica di rinnovata promozione del patrimonio storico-artistico della città e, grazie all’aiuto dell’Accademia Nazionale di Belle Arti di Parma, erede della scuola settecentesca, prevede un itinerario nelle sale museali della Pilotta, durante il quale i partecipanti saranno accolti dai ricercatori del Dipartimento di Ingegneria e Architettura, impegnati nella ricostruzione tridimensionale di alcune sculture romane esposte; su un caso reale saranno illustrate dal vivo le principali metodologie di rilievo messe a punto e mostrati alcuni prodotti di realtà aumentata, stampa tridimensionale e visite virtuali a supporto della valorizzazione dei beni museali. Uno specialista dell’arte parmense del Settecento, il dott. Alessandro Malinverni, accademico di Parma, guiderà i visitatori alla scoperta di opere molto o poco conosciute che testimoniano ancora la fascinazione esercitata dai reperti antichi sugli artisti parmensi ed europei del Settecento.

NB: La partecipazione all’evento è condizionata all’acquisto, a prezzo ridotto, del biglietto di ingresso al complesso monumentale (€ 6)

Al fine di garantire una migliore organizzazione dell’attività si invita a segnalare la propria partecipazione inviando una mail al seguente indirizzo: retidarte.dicatea@unipr.it

Si garantisce comunque la possibilità di partecipare all’evento presentandosi direttamente nel luogo indicato.