Sto caricando la mappa ....

Ora  16:00 - 20:00

Luogo  Campus - Plesso di Farmacia - Pad. 08

Genere  Esperimenti / dimostrazioni

Rivolto a:


L’iniziativa che sarà allestita nel Plesso di Farmacia (Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco) si rivolge ad un pubblico variegato (con giochi interattivi, attività dimostrative e semplici esperimenti per i più piccoli) e ha come titolo “Dall’idea alla compressa: viaggio alla scoperta di come nasce un farmaco”.

Tale iniziativa descrive il percorso che caratterizza lo sviluppo di un prodotto medicinale, attraverso le tappe che portano dalla scoperta, lungo le fasi di sviluppo, fino alla commercializzazione di un nuovo farmaco: dall’identificazione di una patologia e del meccanismo d’azione che la sostiene, passando attraverso la progettazione, la sintesi, la valutazione dell’attività nei sistemi biologici, fino alla formulazione e determinazione della sicurezza di un potenziale farmaco.

Chi deciderà di avventurarsi nel nostro “viaggio” sarà guidato lungo un percorso a tappe in ciascuna delle quali, attraverso semplici esperimenti e curiose dimostrazioni, verranno descritte le varie fasi che caratterizzano lo sviluppo di un nuovo farmaco, dall’idea fino alla formulazione.

  • Lo studio delle basi molecolari delle malattie e dei bersagli dei farmaci
  • Il “drug design” ovvero la “progettazione” di un nuovo farmaco
  • La sintesi ovvero la costruzione di nuove molecole e la determinazione della loro struttura
  • L’analisi delle proprietà e del metabolismo di nuovi farmaci
  • La determinazione dell’attività biologica attraverso saggi biochimico-farmacologici o microbiologici
  • La formulazione e lo studio del metodo di somministrazione

Il percorso sarà articolato in postazioni dedicate alle diverse discipline coinvolte nello studio dei farmaci:

Nella postazione dedicata alla CHIMICA FARMACEUTICA dottorandi e ricercatori, con il supporto di una presentazione creata ad hoc, illustreranno il processo che porta alla progettazione e quindi al disegno di una molecola a potenziale attività biologica. La presentazione raccoglie immagini e brevi video che spiegano il “drug design” con un linguaggio accessibile anche ai non addetti ai lavori. Ove possibile, i visitatori potranno interagire con il supporto elettronico a disposizione “muovendo” molecole in 3D, o simulando esperimenti di docking.

Verrà inoltre fornita anche una breve introduzione all’argomento della postazione successiva.

Nella postazione di CHIMICA ORGANICA il pubblico potrà apprezzare come il “disegno” di nuove molecole viene tradotto in “sintesi” ovvero nella costruzione delle nuove molecole.

Verranno illustrate le apparecchiature e le tecniche che si utilizzano in laboratorio per sintetizzare le molecole, le tecniche che permettono la separazione e purificazione oltre alle moderne tecniche spettroscopiche di caratterizzazione strutturale, che permettono l’accertamento dell’identità e della purezza delle nuove molecole.

La rappresentazione di molecole “famose” per mezzo di modellini molecolari e la descrizione delle loro proprietà come oggetti 3D, informazioni e curiosità su come si maneggiano i composti in laboratorio, piccoli esperimenti basati su reazioni chimiche “curiose”, oltre a giochi e quiz saranno proposti ai visitatori di tutte le età.

Nella sezione di BIOCHIMICA si parlerà del ruolo delle proteine, e degli enzimi in particolare, all’interno della cellula e di come le proteine costituiscano i bersagli d’elezione dei farmaci. Nella parte introduttiva verrà spiegato, con il supporto di materiale illustrativo (poster, filmati, etc.), che cosa sono le proteine e come funzionano gli enzimi. Successivamente i visitatori potranno partecipare ad una (o più) delle attività sperimentali proposte. Una dimostrazione consentirà di visualizzare, attraverso semplici esperimenti con materiale di facile reperibilità, come lievito di birra e vegetali, l’attività degli enzimi e di capire che gli enzimi sono presenti in tutte le cellule viventi. Il concetto di inibizione enzimatica, fondamentale per lo sviluppo di farmaci, verrà dimostrato utilizzando una reazione colorimetrica su piastra grazie al supporto di un kit commerciale. Si spiegherà inoltre che le proteine non solo rappresentano i principali bersagli di farmaci, ma possono anche essere impiegate come veri e propri farmaci. Ai partecipanti interessati verranno fornite alcune spiegazioni circa l’utilizzo dei batteri per produrre proteine ricombinanti e la presenza di proteine ricombinanti all’interno dei microorganismi verrà visualizzata grazie alla fluorescenza della GFP.

Ai bambini partecipanti verrà consegnato un gadget contenente la procedura sperimentale e il materiale necessari per riprodurre a casa un semplice esperimento.

La visita proseguirà con la postazione di FARMACOLOGIA, dove un ricercatore, supportato da poster informativi, spiegherà perché è necessario caratterizzare un farmaco dal punto di vista dell’attività farmacologica.

La visita si sviluppa poi nei due momenti a cui il visitatore è invitato a partecipare attivamente:

  1. Osservazione di vari tipi di cellule al microscopio e prova di semina in piastra;
  2. Conduzione di un esperimento in vitro di farmacologia: saggio colorimetrico per la valutazione della vitalità delle cellule. Possibilità di elaborazione a computer dei dati ottenuti.

Ai gruppi di bambini verrà proposto il gioco: “Impariamo a contarle”, una prova di conta di cellule al microscopio. Il bambino che si avvicinerà maggiormente al numero di cellule effettivamente presenti sul vetrino riceverà in omaggio il “kit del ricercatore” (sacchetto contenente provette di plastica colorate, pipette, piastre petri, etc.). A tutti i bambini che visiteranno la postazione verrà distribuito un piccolo omaggio (provetta da laboratorio contenente caramelle).

La sezione di TECNOLOGIA FARMACEUTICA è articolata in diverse aree relative alla progettazione e produzione della FORMA FARMACEUTICA.

Il pubblico viene inizialmente informato tramite un poster introduttivo e la spiegazione di un ricercatore sulle ragioni e la necessità di trasformare le sostanze medicamentose in una forma adatta alla somministrazione. Di seguito il visitatore attraversa le tre aree dedicate alle tre classiche vie di somministrazione:

  • Somministrazione Orale: la più tradizionale via per l’assunzione di farmaci viene introdotta con un poster e con l’aiuto dei ricercatori il visitatore potrà comprendere e vedere la produzione sia delle classiche compresse, capsule e granulati utilizzati nei prodotti in commercio, sia di sistemi innovativi sviluppati dai ricercatori dell’Università di Parma come le DOME MATRIX, compresse componibili come i mattoncini LEGO con molte proprietà interessanti come il galleggiamento.
  • Somministrazione Inalatoria: in questa area, un numero importante di dispositivi per la nebulizzazione di formulazioni per somministrazione inalatoria saranno esposti e illustrati al pubblico dai ricercatori presenti. Verranno mostrati sia dispositivi classici come i nebulizzatori a compressore, sia dispositivi più recenti come i nebulizzatori portatili a ultrasuoni. Infine, i dispositivi pressurizzati e per l’inalazione di farmaci in polvere verranno illustrati nei loro principi fondamentali di funzionamento.
  • Somministrazione Topica: alla pelle, alle sue funzioni e ai prodotti necessari a prendersene cura e a trattarne le patologie più comuni è dedicata questa area finale. I visitatori non solo potranno comprendere le differenze fondamentali tra creme, unguenti, paste ed altri prodotti da applicare sulla cute, ma con l’aiuto dei ricercatori potranno partecipare alla preparazione di una crema idratante.

L’iniziativa al Plesso di Farmacia sarà arricchita da altre “stanze tematiche” in cui i ricercatori illustreranno episodi emblematici o curiosi associati alla scoperta di farmaci famosi o racconteranno ai visitatori come la “Natura” rappresenti il più grande serbatoio di sostanze farmaceutiche utili, che possono però diventare pericolose se maneggiate da operatori inesperti.

 

REFERENTE: Lucia Battistini, Fabio Sonvico, Barbara Campanini, Francesca Zimetti, Marco Pieroni – Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco